This Week!
CiaoMilano CiaoMilano English
This Week!
CiaoMilano
    English
 
 
Per contrastare l'ulteriore diffusione della pandemia Covid-19, vale l'indicazione della massima cautela in caso di incontri con altri: va tenuta una distanza di almeno un metro e nel luoghi al chiuso bisogna portare una mascherina (meglio se chirurgica).
.:. Anche se Milano e la Lombardia restano a rischio, non soltanto i negozi aprono e bar e ristoranti possono servire, ma anche musei, teatri e cinema riaprono. A partire da venerdì 6 agosto, però, per entrare in molti locali pubblici si deve avere con sé una delle certificazioni verdi COVID-19, in formato cartaceo o digitale, che attesti di essere stati vaccinati anti-SARS-CoV-2 o di esserne guariti, oppure di aver fatto un test antigenico rapido o molecolare al virus SARS-CoV-2 con esito negativo entro le 48 ore precedenti. Il divieto di uscire dopo le 23 è sospeso.
.:. Le informazioni ufficiali sono sul sito YesMilano.

 
Montefeltro e Rimini nell'Italia di fine '400. Di sfondo, uno straordinario pittore senza tempo

.:. Carlo Bertelli pubblica da Skira un libretto colto, rapido, come sempre da considerare. È vero: in fondo è un ennesimo saggio su Piero della Francesca. Chi ha l'età si ricorda soprattutto di Indagini su Piero di Carlo Ginzburg, che inaugurò la collna delle Microstorie Einaudi quando correva l'anno di grazia 1981. Ma le cose che scrive Bertelli sono interessanti di default.

.:. Come l'autore stesso ha spiegato, presentando il suo piccolo lavoro, il titolo che l'editore ha voluto dare al libretto richiama sì il pubblico dei paperback con l'attrattiva di una rivalità, ma rischia di essere fuorviante. La vera storia racconta piuttosto del progetto di una mostra a Brera - mai realizzata - dove avrebbe dovuto essere esposti insieme i ritratti che Piero della Francesca fece di Sigismondo Pandolfo Malatesta (ora al Tempio Malatestiano di Rimini, ma ce n'è un altro al Louvre) e di Federico da Montefeltro (agli Uffizi di Firenze).

.:. La mostra avrebbe offerto l'occasione, più che di mostrare come Piero aveva rraffigurato due regnanti nemici nel centro Italia di fine '400, di riflettere meglio su un pittore senza tempo, che lascia negli astanti - per citare le parole con cui Bertelli chiude questo libretto - la stessa impressione destata da "i tre inquietanti personaggi della Flagellazione" di Urbino: "non guardano il supplizio che si sta svolgendo a pochi passi da loro e ci lasciano l'enigma della loro presenza".

.:. Per i milanesi e gli innamorati di Milano - comunque - il libretto solleva soprattutto il problema di dove si sarebbe dovuta trovare la stupefacente pala di Piero, eseguita su commessa di Federico da Montefeltro, che per la pinacoteca nazionale milanese è forse il maggior vanto, anche più del Cristo morto di Andrea Mantegna e dello Sposalizio della Vergine di Raffaello.

.:. La pala - è noto - approdò qui nel 1811 per volontà di Napoleone, centralizzata a forza strappandola dalla chiesa di San Bernardino a Urbino. La politica culturale dell'impero francese puntava infatti a creare grandi musei formativi nelle città maggiori, sul modello del Louvre a Parigi. Ma a San Bernardino l'opera di Piero era stata certamente collocata con una soluzione di ripiego: è sicuro non fosse destinata là. Dove avrebbe dovuto trovarsi davvero il grande quadro, nelle intenzioni di Federico? Insomma: a che cosa doveva servire?

.:. L'ipotesi di Bertelli è che la pala di Brera fosse stata concepita come punto focale di un mausoleo del duca, mai eretto, immaginato dall'architetto dalmata Francesco Laurana che fu il vero artefice di Urbino ducale. E l'ipotesi convince.

.:. Federico morì improvvisamente, inaspettatamente, in un momento di particolare successo e gloria, senza il tempo per farsi costruire un'ultima dimora degna di quanto aveva fatto in vita. Milano potrebbe avere insomma - fra i suoi altri molti onori - l'orgoglio di ospitare il fulcro dell'estremo riposo di Federico da Montefeltro. E Federico fu, a voler vedere bene, uno dei maggiori uomini politici che la storia della penisola abbia mai avuto.

[Roberto Peretta]


Piero. Un pittore per due nemici
Carlo Bertelli, Skira, Milano, 2013

.:. Se vuoi acquistare Piero. Un pittore per due nemici, puoi farlo con Internet Bookshop.


Piero. Un pittore per due nemici  
 
 
 

KIWI Milano    Creative Commons License
.:. CiaoMilano è una creatura di KIWI Milano, scritta in ambiente Foundation 6 e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 2.5 Italy.

.:. Icone di
Mollet

.:. copyright © 1997-2021 Roberto Peretta, Milano; copyright © 1997-2006 Monica Levy, Roberto Peretta, Milano
.:.Monica Levy, che nel 1997 ha inventato questo sito, non è più fra noi. Il suo sorriso sta dietro questa parola.

PRchecker.info

Leonardo = No Problem
L'Ultima Cena
L'Ultima Cena di Leonardo, altrimenti difficile da vedere?
Si può prenotare direttamente una visita specializzata, grazie al nostro partner Musement.
Stai qui
Booking arrivo
Booking parto
 
 
CiaoMilano non raccoglie dati personali, salvo la corrispondenza e-mail con lettori e uffici stampa.
Informativa sulla privacy
aggiornato 10 settembre 2021